AUTO ELETTRICA: LA CINA INVESTE E PUNTA AL PRIMATO MONDIALE

«In un prossimo futuro il panorama più probabile sarà la coesistenza di un portafoglio di tecnologie sviluppate per soddisfare segmenti di utenti diversi, in termini di prestazioni del veicolo, con una predominanza di veicoli convenzionali». Una ricerca del Cnr-Ceris analizza le prospettive del settore dell’auto alla luce delle iniziative avviate dai vari costruttori mondiali.

Emergono linee di tendenza molto diverse. «Lo scenario a breve termine più probabile – prosegue lo studio del Cnr – sembra essere quello della diversità. L’Italia è incentrata principalmente sui veicoli a metano e lo stesso vale per la Russia, che conta sulle proprie grandi riserve di gas naturale. Il Brasile è leader nei biocarburanti; la diffusa presenza di centrali nucleare ha portato la Francia a concentrarsi sui veicoli elettrici mentre la Germania si è spostata dal Gpl alle auto ibride elettriche ed ai biocarburanti».

Ma il Cnr invita a considerare il crescente ruolo della Cina che ha posto i veicoli elettrici tra le sue priorità, «con l’obiettivo di raggiungere in questo campo il primato mondiale». Ed è evidente che la strategia cinese può condizionare tutto il mercato mondiale. Anche se lo studio del Cnr evidenzia i vantaggi del biometano prodotto a partire dai rifiuti organici o attraverso processi di conversione della biomassa.

Ma i grandi costruttori, al momento, paiono andare in direzioni completamente diverse. Con effetti comunque rilevanti sul panorama industriale. «Il maggior uso di tecnologie relative ai veicoli alternativi sta favorendo – assicurano al Cnr – l’entrata nel settore automobilistico di nuovi attori nella progettazione e produzione di componenti e sottosistemi». Ad una estremità della catena del valore si posizionano le aziende chimiche ed i produttori di componenti della batteria, mentre all’altro estremo si collocano gli operatori di mobilità e le compagnie elettriche. Tutti cercano di sviluppare nuove relazioni per acquisire nuove conoscenze e competenze.

In questa fase i rapporti più evidenti sono quelli tra le case automobilistiche ed i produttori di accumulatori elettrici per lo sviluppo di batterie ricaricabili ad alte prestazioni. Vengono create joint venture, fondate nuove società ad hoc, collaborazioni esclusive. Da Toyota a Nissan, da Honda a Mitsubishi, ma anche in Europa da Volkswagen a Daimler. E pure negli Usa, da Gm a Ford.

Con la possibilità, secondo il Cnr, che i produttori di batterie decidano di entrare direttamente in campo automobilistico, come ha fatto la cinese Byd, ma anche la Reva e lo stesso Bolloré. E sviluppi nel settore vengono assicurati anche da un produttore di pneumatici come Michelin (con cerchioni muniti di motori elettrici) o da un costruttore di aeromobili come Dassault.

Ovviamente – conclude la ricerca – il futuro dell’auto dipenderà anche dalle politiche fiscali dei vari Paesi. Perché l’energia elettrica, che ora è conveniente, lo sarebbe molto meno se venisse gravata dalle stesse accise che penalizzano la benzina. Soprattutto in Paesi come l’Italia.

Fonte: http://www.motori24.ilsole24ore.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: